ISBN 978-88-98942-71-8
Pagine 48
Anno di pubblicazione 2018
Illustrazioni Tiziana Morrone
Prezzo di copertina 12.00 €
Acquista con Paypal o Carte
Seleziona spedizione:
Gratuita 4 - 6 giorni
5€ Corriere 1 - 2 giorni
Inserisci quantità:

oppure clicca qui Come acquistare

Come testimoniano le sue antiche origini, Pisa è nata – ed è stata a lungo – una città d’acqua. Ecco perché lo scenario principale in cui si svolgono le feste tradizionali è proprio il suo fiume, l’Arno, e i bellissimi Lungarni. Questo libro racconta il “Giugno Pisano” con i suoi storici eventi – la Luminara, il Palio di San Ranieri e il Gioco del Ponte – attraverso gli occhi di personaggi speciali. Un bambino di undici anni e il suo nonno, Tommaso e Aldo, già protagonisti de Il delfino Arno a cui la storia si raccorda, e l’oca Osvaldo, anche lui ben noto ai lettori, ma che ha stavolta un nuovo interlocutore, la nutria Pilar. Un modo originale per rivivere – o scoprire – le tradizioni pisane, non mancando di divertire e di far riflettere al contempo su temi importanti, quali il rispetto per la natura e per gli animali, l’amore per i nonni e la passione per la storia della propria città. Corredano il testo disegni allegri e pieni di colore che danno vita ai personaggi e ai bellissimi scenari cittadini.

Francesca Petrucci  vive e lavora a Pisa. Laureata in Lettere antiche e giornalista pubblicista, fa l’editor di professione e la scrittrice per passione. Ha pubblicato: Carosello in San Rossore (Equitare 2009), Curioso, un cavallo all’avventura (Felici 2011), Mia story. Dall’abbandono all’amore (MdS 2013), Il ghiro Lapo (Felici 2014), Bruna. Una maialina per amica (MdS 2014), Basta una coda (MdS 2015) e PuroSangue (MdS 2016). Cura la rubrica “Zampa che ti passa!” sulla rivista manidistrega.it e il blog “Scrivo da cani”. Natura e libri sono le sue più grandi passioni: ama gli animali come l’aria che re- spira e dedica spesso ai loro diritti la sua scrittura.

Tiziana Morrone nasce sulla montagna Pistoiese nel 1979 dove tutt’ora vive circondata da boschi generosi e cullata da tramonti che pennellano i crinali. Lavora in un centro di riabilitazione come operatore socio sanitario ed è mamma di due bambini. L’entusiasmo è il colore delle sue giornate e il motore delle sue passioni. Predilige la comunicazione in ogni sua forma e nel tempo libero ama dipingere, leggere e scrivere storie. Ha pubblicato Arduino e la combriccola del bosco (Ouverture 2013), Pomodoro. La rana che non sapeva saltare (MdS 2014) che ha anche illustrato oltre a Lupopesce & Volpemagica (MdS 2016). Ha pubblicato il romanzo Ero dunque sono (MdS, 2016). In tutto ciò che nasce dalle sue mani traspare l’amore per il suo territorio.

Download