ISBN 978-88-98942-47-3
Pagine 256
Anno di pubblicazione 2016
Prezzo di copertina 12.00 € 15% di sconto 10,20 €
Acquista con Paypal
Seleziona spedizione:
oppure clicca qui Come acquistare

Testimoni d’accusa-manuale di confessioni involontarie è un'antologia di racconti diversa dalle altre. A tenere insieme le storie che la compongono, infatti, è il loro dialogare con le pulsioni più profonde, con quei moti dell'animo che affondano negli abissi dell'inconscio per poi affiorare in superficie sollecitati da un incontro, un'immagine, una parola. Sono proprio loro, i racconti, i “testimoni d’accusa”, e le vicende che racchiudono strumenti di confessione, impronte rivelatrici di dubbi, paure, desideri e turbamenti che per la loro essenza universale e l'appartenenza ad una coscienza collettiva alimentano un dialogo costante tra l'autore e i suoi lettori. Cartina di tornasole di questa dialettica sono le quattro sezioni - Collisioni - Divagazioni - InquietudiniPerversioni - in cui l’opera è divisa, evocative di umori, pulsioni, declinazioni del sentire; espressione di punti di vista diversi con cui raccontare la stessa realtà, perché, come scrive Bartelloni, “a volte per trovare il colpevole è sufficiente guardarsi allo specchio”.

L’AUTORE - Fabrizio Bartelloni, avvocato penalista e magistrato onorario, convive da alcuni anni con un Mr. Hyde appassionato, tra l’altro, anche di scrittura. Dopo avere visto pubblicati i propri racconti in numerose riviste e antologie, nel 2014 ha presentato la raccolta Frammenti (Ensemble Edizioni) con la quale ha vinto il Premio “Giovane Holden” 2016. E' stato anche curatore e co-autore delle antologie Pisani all'uscio (Ensemble, 2013) e Vituperio delle genti (MdS, 2015), nonché del romanzo collettivo Sulle spallette alle nove (MdS, 2014). Collabora stabilmente con la webzine manidistrega.it, cura la rubrica di cinema su il Fogliaccio, e dirige per MdS Editore la collana di narrativa Cattive strade. Fa molte cose, ma in fondo gli sarebbe bastato essere immortale.

Download